Rete WHP, l’ATS della Montagna premia chi investe in percorsi di prevenzione, in sicurezza e salute

Il concetto di Promozione della Salute nei luoghi di lavoro – Workplace Health Promotion (WHP) – presuppone che un’azienda non solo attui tutte le misure per prevenire infortuni e malattie professionali ma si impegni concretamente anche nell’offrire ai lavoratori opportunità per migliorare e tutelare la propria salute, riducendo i fattori di rischio generali e in particolare quelli maggiormente implicati nello sviluppo delle malattie cronico-degenerative. Dall’incentivare e promuovere l’attività fisica alle iniziative per smettere di fumare, dalla promozione di un’alimentazione sana a misure per migliorare il benessere nel setting lavorativo e familiare. A tale proposito, anche quest’anno, l’ATS della Montagna, in collaborazione con Confindustria Lecco e Sondrio, ha premiato le aziende aderenti alla Rete WHP che hanno sviluppato le buone pratiche previste dal programma. “E’ con rinnovato piacere che oggi consegnamo questi attestati – spiega il Direttore Generale dell’ATS della Montagna, Maria Beatrice Stasi – a conferma del concreto e fattivo impegno da parte delle aziende nel proporre e promuovere specifiche misure a favore della salute dei propri dipendenti. Un diploma che conferma – aggiunge Stasi – quanto sia importante e strategico, anche dal punto di vista economico e sociale, investire nella cultura della sicurezza e della prevenzione, ponendo così al centro la persona, in questo caso il lavoratore”. Il riconoscimento viene assegnato alle seguenti aziende per i motivi riportati.

Aver pianificato e realizzato nel 2017 le buone pratiche indicate dalla Rete WHP Lombardia:

  1. DRESSER ITALIA SRL di TALAMONA
  2. QUESTURA di SONDRIO
  3. POLIZIA STRADALE di SONDRIO
  4. POLIZIA STRADALE di MESE
  5. ùPOLIZIA di FRONTIERA di TIRANO
  6. POLIZIA POSTALE di SONDRIO
  7. ASST Valtellina Alto Lario (PreSST) – BORMIO
  8. ASST Valtellina Alto Lario (PreSST) – LIVIGNO
  9. ATS MONTAGNA sede BRENO
  10. COTONIFICIO OLCESE S.P.A. di PIANCOGNO
  11. FORGE MONCHIERI S.p.A. di CETO
  12. FORGE MONCHIERI S.p.A. di CIVIDATE CAMUNO – via. 4 Piccoli Martiri, 2/4
  13. FORGE MONCHIERI S.p.A. di CIVIDATE CAMUNO – Via Industriale, 3
  14. M&M FORGINGS S.r.l. di CIVIDATE CAMUNO
  15. I.F.P. S.P.A. di PIAN CAMUNO

Aver completato il programma:

  1. ASST Valtellina Alto Lario Presidio Ospedaliero Territoriale – MORBEGNO
  2. NUOVO PIGNONE SRL di TALAMONA parte del gruppo BHGE
  3. COOPERATIVA ARCOBALENO di BRENO

Aver completato il programma nel 2016 proseguendo con l’attuazione delle buone pratiche:

  1. BAXTER di GROSOTTO
  2. ASST Valtellina Alto Lario Presidio Ospedaliero – CHIAVENNA
  3. ASST Valcamonica Sede Legale – BRENO
  4. ASST Valcamonica (PreSST) – DARFO BOARIO TERME 5. ASST Valcamonica Presidio Ospedaliero – EDOLO
  5. ASST Valcamonica Presidio Ospedaliero – ESINE

Inoltre sono state invitate anche 5 nuove aziende che hanno iniziato ad applicare le buone pratiche nel 2018 aderendo così alla Rete WHP:

  1. LUCCHINI MAME’ Forge S.p.A di CIVIDATE CAMUNO
  2. METALCAM S.p.a. di BRENO
  3. INAIL sede di SONDRIO
  4. RIRI SA di TIRANO
  5. COMUNE di CASTIONE ANDEVENNO

 

Dichiarazioni del Presidente di Confindustria Lecco e Sondrio, Lorenzo Riva

 

Print Friendly, PDF & Email