Interventi a favore di persone con disabilità gravissima: Misura B1


Interventi a favore di persone con disabilità gravissima: Misura B1 – Buono mensile e Voucher sociosanitario –

Regione Lombardia con  DGR 1253 del 12 febbraio 2019 ha approvato il “Programma operativo regionale a favore di persone con gravissima disabilità e in condizione di non autosufficienza (Misura B 1) e grave disabilità (Misura B 2) di cui al Fondo Nazionale per le non Autosufficienze anno 2018.

La Misura B1  si rivolge a Persone di qualsiasi età, assistite al domicilio, in condizione di disabilità gravissima, che siano:

– beneficiarie di indennità di accompagnamento o definite non autosufficienti ai sensi del DPCM n. 159/2013 dell’allegato 3,

– residenti in Regione Lombardia da almeno 2 anni

– che presentino almeno una delle seguenti condizioni:

  • coma, Stato Vegetativo (SV) oppure di Stato di Minima Coscienza
  • dipendenza da ventilazione meccanica assistita o non invasiva continuativa
  • grave o gravissimo stato di demenza
  • lesioni spinali fra C0/C5
  • gravissima compromissione motoria da patologia neurologica o muscolare
  • deprivazione sensoriale complessa intesa come compresenza di deficit visivo totale o con residuo visivo non superiore a 1/20 in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore, anche con eventuale correzione o con residuo perimetrico binoculare inferiore al 10 per cento e ipoacusia, pari o superiore a 90 decibel HTL di media fra le frequenze 500, 1000, 2000 hertz nell’orecchio migliore
  • gravissima disabilità comportamentale dello spettro autistico
  • ritardo mentale grave o profondo
  • dipendenza vitale con necessita’ di assistenza continuativa e monitoraggio nelle 24 ore, 7 giorni su 7

Il nuovo programma operativo per l’anno in corso prevede tre tipi di interventi:

1. l’erogazione di un buono mensile, fino ad un massimo di € 1.100, per le persone totalmente assistite al proprio domicilio, così articolato:

  • € 900 per compensare le prestazioni assicurate dal care giver familiare;
  • ulteriori € 200 per l’eventuale personale di assistenza regolarmente assunto

Al buono può essere aggiunto un eventuale voucher mensile, per prestazioni erogate da enti autorizzati dall’ATS, (per adulti fino a € 360 e per minori fino a € 500) riconosciuto, nel rispetto dei criteri di priorità previsti dalla DGR, in base agli esiti della valutazione multidimensionale e del Progetto Individuale.

2. l’erogazione di un buono mensile di € 600, destinato alla persona disabile gravissima che frequenta servizi della prima infanzia/scuola oppure a chi è inserito in un servizio diurno (CSE,CDD,CDI), per massimo 14 ore settimanali certificate dall’erogatore del servizio.

Al buono può essere aggiunto un eventuale voucher mensile, per prestazioni erogate da enti autorizzati dall’ATS, (per adulti fino a € 360 e per minori fino a € 500) riconosciuto, nel rispetto dei criteri di priorità previsti dalla DGR, in base agli esiti della valutazione multidimensionale e del Progetto Individuale.

Elenco Gestori VOUCHER B1

3. La SPERIMENTAZIONE per le persone disabili gravissime che presentano bisogni di particolare intensità in quanto dipendenti da tecnologia assistiva:

– ventilazione meccanica assistita o non invasiva continuativa (minimo 16 ore giornaliere)

e/o

– alimentazione solo parenterale attraverso catetere venoso centrale.

La persona/famiglia ha facoltà di candidarsi a questa sperimentazione: la presa in carico con questa modalità sperimentale esclude quella con le altre 2 modalità sopra declinate.

 

Prevede l’erogazione di:

  • Buono mensile di € 500 per il caregiver familiare
  • Voucher sociosanitario mensile fino a massimo € 1.650 (ridefinito da DGR n. XI/1735/2019) per l’acquisto di massimo 20 ore/settimanali di assistenza tutelare (OSS), a complemento di quanto già assicurato dai servizi di assistenza domiciliare, per offrire al caregiver familiare supporto e pause di sollievo rispetto all’impegno di assistenza. Il valore massimo  mensile fino ad € 1.650 è stabilito anche per i voucher misti (es. OSS ed Educatore) oppure per voucher con solo Infermiere o solo Educatore con eventuale ridefinizione del tetto di ore settimanali.

Elenco Gestori Sperimentazioni

L’erogazione del Buono Misura B1 è compatibile con:

  • interventi di assistenza domiciliare: Assistenza Domiciliare Integrata, Servizio di Assistenza Domiciliare;
  • interventi di riabilitazione in regime ambulatoriale o domiciliare;
  • interventi di Sperimentazione riabilitazione minori disabili in regime ambulatoriale;
  • ricovero ospedaliero;
  • ricovero di sollievo per adulti per massimo 60 giorni programmabili nell’anno;
  • ricovero di sollievo per minori per massimo 90 giorni programmabili nell’anno presso unità d’offerta residenziali sociosanitarie, anche attraverso la Misura residenzialità minori con gravissima disabilità
  • sostegni DOPO DI NOI riconosciuti per residenzialità autogestita e residenzialità in Cohousing/Housing con normativa regionale vigente;
  • prestazioni integrative previste da Home Care Premium/INPS;
  • Voucher anziani ex DGR n. 7487/2017 erogato al caregiver familiare per necessità di sollievo e supporto.

L’erogazione del Buono Misura B1 non è riconosciuta nei seguenti casi:

  • accoglienza definitiva presso Unità d’offerta residenziali socio sanitarie o sociali (es. RSA, RSD, CSS, Hospice, Misura residenzialità per minori con gravissima disabilità);
  • ricovero di sollievo nel caso in cui il costo del ricovero sia a totale carico del Fondo Sanitario Regionale (persone in stato vegetativo, SLA);
  • ricovero in riabilitazione/Sub acute/Cure intermedie/Post acute;
  • presa in carico in Unità d’offerta semiresidenziali sanitarie, sociosanitarie o sociali, con frequenza strutturata e continuativa, si considera anche part time di 18 ore/settimanali (es. regime semiresidenziale di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza, riabilitazione in diurno continuo, CDD, CDI, CSE);
  • presa in carico con Sperimentazioni riabilitazione minori disabili in regime diurno;
  • presa in carico con Misura RSA aperta ex DGR n. 7769/2018;
  • Bonus per assistente familiare iscritto nel registro di assistenza familiare ex l.r. n. 15/2015

L’erogazione del Buono è sospesa in caso di permanenza della persona disabile fuori regione oltre 90 giorni.

I Voucher della Misura B1 adulti fino a € 360 e minori fino a € 500 sono incompatibili con le prestazioni integrative previste da Home Care Premium/INPS e sono sospesi in tutti i casi in cui la persona disabile non sia al proprio domicilio.

In caso di trasferimento della residenza della persona disabile in altra regione l’erogazione del Buono e del Voucher sociosanitario viene interrotta.

 

Chi può presentare la domanda:

La domanda può essere presentata direttamente dalla persona interessata,

oppure

  • in caso di presenza di un impedimento permanente dal tutore/ curatore/amministratore di sostegno/ procuratore (nel caso la procura lo preveda);
  • in caso di un minore d’età dal genitore/dai genitori
  • in caso di impedimento temporaneo dal coniuge o, in sua assenza, il figlio o, in mancanza di questi, altro parente in linea retta o collaterale fino al terzo grado (N.B. in questo caso è necessario rendere una dichiarazione ai sensi dell’art. 4 D.P.R. 445/2000, compilando l’apposito modello di fronte ad un pubblico ufficiale)

 A chi rivolgersi per la domanda di accesso alla Misura B1:

L’utente o suo familiare deve presentare la domanda:

  • allo sportello CeAD/SUW dell’ASST di Valtellina e Alto Lario, per le persone residenti nella stessa ASST;
Sede telefono
Bormio 0342-909136
Tirano 0342-707317
Sondrio 0342-555786
Morbegno 0342-607338
Chiavenna 0343-67349
Dongo 0344-973539

per informazioni , www.asst-val.it

  • all’Unità di Valutazione Multidimensionale dell’ASST di Valcamonica, per le persone residenti nella stessa ASST;
Sede telefono
Breno 0364/329384

per informazioni www.asst-valcamonica.it

L’equipe dell’ASST competente per residenza effettuerà la Valutazione Multidimensionale d’intesa con l’Ufficio di Piano competente con verifica dei requisiti per l’accesso alla Misura B1 previsti dalla DGR 1253/2019. In caso di esito positivo della valutazione verrà steso il Progetto Individuale (PI) in collaborazione con la famiglia.

Quando presentare la domanda:

  • Le persone già in carico alla Misura B1 dovranno presentare la domanda entro e non oltre il 31 Marzo 2019
  • Le persone di nuovo accesso possono presentare la domanda fino al 30 settembre 2019

Durata del programma operativo Misura B 1

Il programma operativo ha validità annuale con scadenza al 31.12.19. L’erogazione dei benefici avverrà fino al 31.12.19 e comunque fino ad esaurimento delle risorse disponibili assegnate alle ATS, che provvederanno all’erogazione in base alla predisposizione di elenchi trimestrali distinti per fasce d’età (minori, adulti, anziani) ed ordinati per valore dell’ISEE ordinario.

Allegati:

DGR 1735/2019

DGR 1253/2019

domanda di accesso alla misura B1