Screening cervice uterina


L’evidenza scientifica che l’infezione da Papilloma Virus Umano (HPV) è la causa necessaria del carcinoma cervicale ha aperto nuovi scenari in termini di prevenzione primaria con la vaccinazione anti-papilloma virus e di prevenzione secondaria con l’implementazione di nuove metodologie di screening.

Studi clinici randomizzati hanno dimostrato che lo screening cervicale con test validati per il DNA di HPV oncogeni come test di screening primario e con un protocollo appropriato è più efficace dello screening basato sulla citologia nel prevenire i tumori invasivi del collo dell’utero.

Il Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 ha dato indicazioni per l’introduzione del test HPV nel protocollo di screening, in tutti i programmi di screening cervicale italiani, entro il 2018.

Nel territorio della Vallecamonica è stato attivato nell’anno 2010 un progetto pilota i cui risultati sono stati pubblicati su Journal of Medical Screening.

L’ATS della Montagna, in linea con le direttive regionali, sta predisponendo l’attivazione del percorso di screening organizzato per la prevenzione del cervicocarcinoma con test HPV come test di screening primario.

  • Distretto  Valcamonica

Per ulteriori approfondimenti: Gruppo Italiano Screening Cervicocarcinoma

Print Friendly, PDF & Email