Vaccinazione anti Covid, la prima fase verso la conclusione.

Si avvia alla conclusione la prima fase della campagna di vaccinazione anti Covid, tanto che oggi è iniziata anche la somministrazione della seconda dose ai primi vaccinati nel corso del V-Day dello scorso 27 dicembre 2020. Come è noto la somministrazione della prima dose di vaccino è stata riservata alle categorie definite dal Ministero della Salute: operatori delle ASST e degli Ospedali, operatori ed ospiti delle RSA, operatori dell’ATS, operatori e volontari dei servizi di emergenza/urgenza, medici di medicina generale, pediatri di famiglia, medici di continuità assistenziale e medici USCA. Le vaccinazioni sono state effettuate, in collaborazione con ATS della Montagna, dai due HUB territoriali: ASST Valtellina Alto Lario ed ASST Valcamonica, che hanno individuato i seguenti Centri Territoriali Vaccinali:

  • Sondrio, Sondalo e Chiavenna, nel Distretto Valtellina ed Alto Lario
  • Esine ed Edolo nel Distretto Valcamonica

Le due ASST hanno, inoltre, fornito il vaccino alle RSA del territorio e all’Ospedale Moriggia Pelascini di Gravedona, che hanno provveduto direttamente alla somministrazione ai propri ospiti e personale, anche con il supporto formativo delle ASST.  Al 16 gennaio 2021, sono state vaccinate 3.154 persone dall’ASST Valtellina Alto Lario,1.684 dall’ASST Valcamonica, oltre a 204 presso l’Ospedale di Gravedona. Prosegue inoltre l’attività vaccinale nelle RSA del territorio dove per il momento sono state somministrate 2.479 dosi nelle RSA di Valtellina e Alto Lario e 1.683 nelle RSA della Valcamonica.  L’adesione alla vaccinazione è stata molto alta in tutte le categorie coinvolte in questa prima fase e si stanno inserendo man mano nelle sedute anche gli ultimi “ritardatari”. Il Direttore Generale dell’ATS, Lorella Cecconami, che si è vaccinato il 12 gennaio scorso, invita tutti gli operatori sociosanitari che ancora non lo hanno fatto a non perdere questa importante opportunità di prevenzione e di tutela della propria salute e di quella degli assistiti. Inoltre, L’ATS della Montagna sta terminando le operazioni di raccolta delle pre-adesioni dei Medici di Medicina Generale come somministratori del vaccino anti Covid,al termine delle quali sarà in grado di dire anche quanti di loro hanno aderito all’iniziativa.