Sostegno al singolo e alla famiglia


Integrazione del canone di locazione per genitori separati o divorziati

 

Interventi di sostegno abitativo per l’integrazione del canone di locazione a favore di coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori, di cui alla l.r. 18/2014 

DESTINATARI

Cittadini residenti  in Regione Lombardia che soddisfano ai seguenti requisiti:

  • sono genitori separati o divorziati nonché genitori che hanno in atto un procedimento di separazione giudiziale;
  • hanno figli nati o adottati nel corso del matrimonio;
  • sono residenti in Lombardia da 5 anni;
  • hanno un ISEE in corso di validità inferiore o uguale a € 20.000,00;
  • non hanno avuto sentenze passate in giudicato per reati contro la persona, tra cui gli atti persecutori di cui al decreto – legge 23 febbraio 2009, n. 38, nonché per i delitti di cui agli articoli 570 e 572 del codice penale;
  • sono intestatari di un contratto di locazione;
  • sono assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica di proprietà di ALER o dei Comuni purché in possesso di contratto con canone a prezzo di mercato.

CARATTERISTICHE DELL’AGEVOLAZIONE 

I genitori potranno beneficiare di un contributo pari al 30% del canone annuo, che in ogni caso non potrà essere superiore a € 2.000 nel caso di canone concordato e a € 3.000 nel caso di canone a prezzo di mercato.

I genitori separati o divorziati che si trovano a vivere una condizione di grave marginalità sociale e che risultano ospiti presso strutture di accoglienza o che vivono in condizioni precarie, potranno  richiedere  un progetto personalizzato  di accompagnamento che favorisca il loro reinserimento sociale. In questi casi il beneficio relativo al canone di locazione potrà essere biennale ed è previsto un ulteriore contributo  economico  fino a € 1.000.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda deve essere presentata on line sull’applicativo accessibile alle pagine web di Regione Lombardia all’indirizzo: www.siage.regione.lombardia.it da parte del genitore separato o divorziato a partire dal 5 giugno 2018 sino al 30 giugno 2019 salvo esaurimento delle risorse.

INFORMAZIONI
Responsabile del procedimento: Daniela Prandi  tel. 0342-555738

Informazioni e assistenza:

Daniela Bianchi 0342-555840

Ilaria Ducoli 0364-329389

casella mail: genitori.separati@ats-montagna.it

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

dgr_7545_2017_12755_16038

decr.reg.7145 2018_12753_16038

Link  Sito Regione Lombardia

http://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioBando/servizi-e-informazioni/cittadini/persone-casa-famiglia/famiglia-e-minori/integrazione-canone-locazione-coniugi-separati-divorziati

 

Avviso Pubblico per il recupero di immobili mediante la realizzazione di interventi edilizi in alloggi da destinare in locazione ai coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori di cui alla l.r. 18/2014

Regione Lombardia, con DGR 7544 del 18/12/2017, promuove il recupero di immobili mediante la realizzazione di interventi edilizi, in alloggi da destinare in locazione ai coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori, di cui alla l.r. 18/2014”

Destinatari
Enti pubblici, privati del Terzo Settore e Enti riconosciuti dalle confessioni religiose interessati alla riqualificazione ed il recupero del patrimonio abitativo non utilizzato a vantaggio dei coniugi separati o divorziati.

Contributo
Il finanziamento è regionale con contributo a fondo perso, pari all’85% del costo ammissibile, elevabile al 90% nel caso in cui gli interventi garantiscano recuperi e miglioramenti negli standard in materia di efficienza energetica. Il contributo non potrà essere inferiore a € 10.000,00 o superare l’importo di € 50.000,00 per ogni progetto, anche in caso di adeguamento strutturale di più alloggi.

 

Interventi ammissibili

·         Interventi volti al recupero di alloggio inutilizzato;

·         Interventi di frazionamento di alloggi volti ad incrementare la disponibilità;

·         Interventi di accorpamento di alloggi finalizzati al superamento delle dimensioni minime considerate sottosoglia dalla normativa;

·         Rimozione di manufatti e componenti edilizie con presenza di materiali nocivi e pericolosi quali amianto, piombo ecc.;

·         Interventi di efficientamento energetico degli edifici da perseguire mediante il miglioramento dei consumi di energia e l’innalzamento di almeno una classe della prestazione energetica o la riduzione di almeno il 30% dei consumi registrati nell’ultimo biennio di utilizzazione dell’immobile;

·         Interventi di superamento delle barriere architettoniche;

·         Messa in sicurezza delle componenti strutturali degli immobili mediante interventi di adeguamento o interventi di adeguamento o miglioramento sismico.

·         Interventi alle parti comuni dell’immobile, con imputazione della spesa limitata ai millesimi riferiti agli alloggi/alloggio per cui è stato richiesto il finanziamento.

 

Sugli alloggi oggetto di recupero è costituito un vincolo di destinazione per un periodo non inferiore a venti anni.

Gli Enti interessati potranno presentare domanda entro il 30 settembre 2018.

Informazioni e contatti

Referenti per informazioni ed assistenza:

Dott. Paolo Dei Cas tel. 0342 555790

Dott.ssa Ilaria Ducoli tel. 0364 329389

Altri riferimenti:

Dipartimento della Programmazione per l’Integrazione delle Prestazioni Sociosanitarie con

quelle Sociali

– Segreteria tel. 0342 555840 – 0364 329389

– E-mail: dipartimento.pipss@ats-montagna.it

Maggiori informazioni utili sono accessibili all’indirizzo www.regione.lombardia.it

Allegati:

Avviso Sostegno Abitativo all. 1

Modello Domanda allegato 1A

Delibera n. 375 del 22-06-2018

Print Friendly, PDF & Email