Interventi a favore di persone con disabilità gravissima: Misura B1


Informativa al cittadino

MISURA B1 A FAVORE DI PERSONE CON GRAVISSIMA DISABILITA’

Programma operativo regionale FNA anno 2021(esercizio 2022) DGR 5791/2021 e DGR 6003/2022

 

Regione Lombardia, con DGR N°XI/ 5791 del 21.12.2021 e con DGR n° XI/6003 del 21.02.2022, ha definito il “Programma Operativo regionale a favore di persone con gravissima disabilità e in condizione di non autosufficienza e grave disabilità, di cui al fondo per le non autosufficienze triennio 2019-2021- annualità 2021, esercizio 2022”. La Misura B1 è un sostegno alla persona non autosufficiente e con disabilità gravissima, assistita a domicilio, e al suo caregiver familiare. Si realizza attraverso l’erogazione di un contributo economico mensile e/o voucher sociosanitario, per promuovere il benessere e la qualità di vita e per favorire la permanenza al domicilio e nel proprio contesto di vita delle persone con disabilità gravissima.

REQUISITI DI ACCESSO

La Misura B1 è destinata alle persone in condizione di disabilità gravissima, coloro che si trovano in una delle condizioni elencate nel Decreto interministeriale Fondo Nazionale per le Non Autosufficienze (FNA) (anno 2016, all’art 2, comma 2, lettere da a) ad i), riconfermate all’art 2, comma 2 del DPCM 21/11/2019) e che siano:

  • assistite a domicilio;
  • beneficiarie dell’indennità di accompagnamento, di cui alla l. n. 18/1980 oppure definite non autosufficienti ai sensi dell’allegato 3 del DPCM. n. 159/2013;
  • residenti in Lombardia;
  • di qualsiasi età;
  • per le quali si sia verificata almeno una delle seguenti condizioni (Decreto FNA anno 2016):

a. Persone in stato di coma, Stato Vegetativo (SV) oppure Stato di Minima Coscienza SMC) e con punteggio nella scala Glasgow Come Scale (GCS)<=10;

b. Persone dipendenti da ventilazione meccanica assistita non invasiva continuativa (24/7);

c. Persone con grave o gravissimo stato di demenza con un punteggio della scala Clinical Dementia Rating Scale (CDRS)>=4;

d. Persone con lesioni spinali fra C0/C5, di qualsiasi natura, con livello della lesione, identificata dal livello sulla scala ASIA Impairment Scale (AIS) di grado A o B. Nel caso di lesioni con esiti asimmetrici ambedue le lateralità devono essere valutate con lesione di grado A o B;

e. Persone con gravissima compromissione motoria da patologia neurologica o muscolare, valutate con la scala, tra le seguenti, appropriata in relazione alla patologia: Medical Research Council (MRC) con bilancio muscolare complessivo <=1 ai 4 arti, Epanded Disability Status Scale (EDSS) con punteggio >=9 Hoen e Yahr mod in stadio 5.

f. Persone con deprivazione sensoriale complessa intesa come compresenza di minorazione visiva totale o con residuo visivo non superiore a 1/20 in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore, anche con eventuale correzione o con residuo perimetrico binoculare inferiore al 10 per cento e ipoacusia, a prescindere dall’epoca di insorgenza, pari o superiore a 90 decibel HTL di media fra le frequenze 500, 1000, 200 hertz nell’orecchio migliore;

g. Persone con gravissima disabilità comportamentale dello spettro autistico ascritta al livello 3 della classificazione del DSM-5

h. Persone con diagnosi di Ritardo Mentale Grave o Profondo secondo classificazione DSM-5, con QI<=34 e con punteggio sulla scala Level of Activity in Profound/Severe Mental Retardation (LAPMER)<=8;

i. Ogni altra persona in condizione di dipendenza vitale con necessità di assistenza continua e monitoraggio nelle 24 ore, sette giorni su sette, per bisogni complessi derivanti dalle gravi condizioni psicofisiche.

SI PRECISA CHE:

  • solo per il Buono Mensile è richiesto ISEE sociosanitario fino a € 50.000 per adulti/anziani o ISEE ordinario fino a € 65.000,00 se minori;
  • non è necessario presentare l’attestazione ISEE per richiedere il solo voucher sociosanitario (senza Buono mensile), a partire dal 1° luglio;
  • non è necessario presentare l’attestazione ISEE per richiedere il voucher autismo, a partire dal 1 maggio 2022.

STRUMENTI PREVISTI dalla Misura B1:

  1. BUONO, contributo economico mensile in denaro
  2. ASSEGNO DI AUTONOMIA, quota aggiuntiva in denaro per un progetto di vita indipendente
  3. VOUCHER SOCIO-SANITARIO mensile per l’acquisto di prestazioni/servizi

1. L’importo del BUONO mensile varia da un livello base di 650 euro fino ad un massimo di 1300 euro, in base alla tipologia di bisogno e alla presenza o meno di personale d’assistenza regolarmente impiegato (assunto direttamente dalla persona con disabilità o famiglia, con regolare contratto oppure fornito da ente Terzo o da operatore a prestazione professionale).

“categorie” contributi mensili

Quota contributo

Contributo max. annuale

1 Disabili gravissimi e assistenza garantita da caregiver familiare 650,00 euro 7.800,00 euro
2 Disabili gravissimi che frequentano scuola e assistenza garantita da caregiver familiare 700,00 euro 8.400,00 euro
3 Disabili gravissimi di cui alla lettera g) e assistenza garantita da caregiver familiare 750,00 euro 9.000,00 euro
4 Disabili gravissimi con bisogni complessi di cui alle lettere a), b) e i) e assistenza garantita solo da caregiver familiare 900,00 euro 10.800,00 euro
5 Disabili gravissimi e assistenza garantita anche da personale d’assistenza regolarmente impiegato (da 10/h settimana) 900,00 euro 10.800,00 euro
6 Disabili gravissimi e assistenza garantita anche da personale d’assistenza regolarmente impiegato (con contratto part time) 1.000,00 euro 12.000,00 euro
7 Disabili gravissimi e assistenza garantita anche da personale d’assistenza regolarmente impiegato (con contratto tempo pieno) 1.200,00 euro 14.400,00 euro
8 Disabili gravissimi con bisogni complessi di cui alle lettere a), b) e i) e assistenza garantita da caregiver familiare e  da personale d’assistenza regolarmente impiegato (contratto a tempo pieno o due contratti a part time) 1.300,00 euro 15.600,00 euro

 

2. ASSEGNO DI AUTONOMIA

Quota aggiuntiva, fino a un massimo di 800,00 euro, riconosciuta per contribuire alle spese per il personale di assistenza regolarmente assunto e per realizzare un progetto di vita indipendente.

Viene riconosciuta ai beneficiari della Misura B1:

  • di norma maggiorenni,
  • che si trovino senza il supporto del caregiver familiare,
  • che abbiano l’ausilio di un assistente familiare, autonomamente scelto e regolarmente assunto,
  • che abbiano un ISEE sociosanitario inferiore a € 30.000,00

 

3. VOUCHER SOCIO SANITARIO

Possono essere attivate le seguenti tipologie di titoli d’acquisto di prestazioni, non in denaro, alternative e non cumulabili tra di loro:

  • voucher sociosanitario a favore di:

        – persone adulte/anziane, per un valore massimo di 460,00 euro mensili;

        – minori, per un valore massimo di 600,00 euro mensili;

        – persone che presentano bisogni di particolare intensità, in quanto dipendenti da tecnologia                assistiva (voucher ad alto profilo), per un valore massimo di 1.650,00 euro mensili.

  • voucher autismo a favore di persone affette da autismo (livello di gravità 3 DSM-5), di cui alla lettera g) del decreto FNA 2016 del valore variabile tra 174,40 euro e 872,00 euro mensili, a seconda dell’età e del numero di interventi erogati.

Gli strumenti previsti dalla Misura B1 vengono attivati a seguito di:

  • valutazione multidimensionale e stesura del progetto individuale, da parte dell’ASST di competenza
  • verifica della documentazione e del mantenimento dei requisiti, da parte dell’ATS della Montagna

Il buono viene riconosciuto dal primo giorno del mese successivo a quello di valutazione

 

A CHI RIVOLGERSI

Per ottenere gli strumenti previsti dalla Misura B1 occorre presentare formale domanda presso la propria ASST di residenza, utilizzando la modulistica regionale (reperibile sul sito Ats)

Le domande di primo accesso possono essere presentate sino al 30 ottobre 2022, allegando la seguente documentazione:

  • VERBALE DI ACCERTAMENTO di invalidità con indennità di accompagnamento ovvero del CERTIFICATO DI CONDIZIONE DI NON AUTOSUFFICIENZA (DPCM 159/2013 allegato 3);
  • DOCUMENTAZIONE CLINICA comprovante la condizione di gravissima disabilità;
  • in presenza di personale di assistenza, CONTRATTO DI REGOLARE ASSUNZIONE, con versamento dei contributi previdenziali oppure documentazione con validità fiscale emessa da ente terzo (es. Cooperativa) o da professionista che eroga la prestazione;
  • ISEE sociosanitario fino a 50.000,00 euro per adulti e anziani e ISEE ordinario fino a 65.000,00 euro per minorenni, in corso di validità al momento della presentazione della domanda, ai fini dell’accesso al solo BUONO.

Le domande vanno indirizzate all’ASST di residenza dove una équipe di operatori esperti (équipe di valutazione multidimensionale), previa valutazione dei bisogni della persona con gravissima disabilità effettuata presso il domicilio, predisporrà il Progetto Individuale di Assistenza.

Il Progetto Individuale, condiviso e sottoscritto dall’interessato e/o dal caregiver o da chi ne ha la tutela giuridica descrive gli obiettivi, gli interventi, il monte ore e le figure professionali coinvolte, previsti dalla Misura B1.

INCOMPATIBILITA’

L’erogazione del Buono è incompatibile con:

  • accoglienza definitiva presso Unità d’offerta residenziali sociosanitarie o sociali (es. RSA, RSD, CSS, Hospice, Misura Residenzialità per minori con gravissima disabilità);
  • Misura B2;
  • presa in carico con Misura RSA aperta (ex DGR n. 7769/2018);
  • ricovero di sollievo, nel caso in cui il costo del ricovero sia a totale carico del Fondo Sanitario Regionale;
  • presa in carico in Unità d’offerta semiresidenziali sanitarie, sociosanitarie o sociali > 18 ore (es. regime semiresidenziale di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza, riabilitazione in diurno continuo, CDD, CDI, CSE, presa in carico con Sperimentazioni riabilitazione minori disabili in regime diurno);
  • Home Care Premium/INPS HCP solo con la prestazione prevalente;
  • contributo da risorse progetti di vita indipendente PRO-VI – per onere assistente personale regolarmente impiegato.

L’erogazione del voucher socio-sanitario è incompatibile:

  • con le prestazioni integrative del Home Care Premium/INPS HCP;
  • nel caso in cui la persona non si trovi al domicilio o frequenti un servizio semi-residenziale (> = 18 h)

L’erogazione del voucher autismo è incompatibile con la frequenza di Servizi Sanitari/Socio-sanitari, interventi e misure/sperimentazioni di carattere socio-sanitario (per poter presentare la domanda per il voucher autismo è necessario procedere alla dimissione dal Servizio).

 

DURATA DEL PROGRAMMA

Il programma operativo ha validità annuale con scadenza al 31.12.2022.

L’erogazione avverrà fino a tale data e comunque fino ad esaurimento delle risorse disponibili assegnate dalla Regione all’ATS della Montagna, e in caso di loro esaurimento, per il riconoscimento del buono mensile, sarà utilizzato come criterio ordinatorio l’ISEE in corso di validità al momento della presentazione della domanda (compreso quello corrente)

 

INFORMAZIONI E CONTATTI

Siti internet:

 

ASST : riferimenti Area territoriale di ASST Valtellina Alto Lario

Sede Telefono
Bormio 0342-909136
Tirano 0342-707210
Sondrio 0342-555829
Morbegno 0342-643321
Chiavenna 0343-67349
Dongo 0344-490362/490363

 

ASST : riferimenti Area territoriale di ASST Valcamonica

Sede di Breno (Bs) 0364/329384

 

ATS: Responsabili Misura B1

Sede di Breno (Bs) Dr.ssa Delia Orsignola 0364/329347 e Dr.ssa Silvia Pedretti 0364/329432

e-mail: misura.b1@ats-montagna.it

 

ALLEGATI

Modulo domanda di valutazione multidimensionale a favore di persone con gravissima disabilità per PRIMO ACCESSO della Misura B1

Modulo domanda di valutazione multidimensionale a favore di persone con gravissima disabilità per la PROSECUZIONE della Misura B1

Modello 1 – DICHIARAZIONE ai sensi del DPR n. 445/2000

Modello 2 – comunicazione estremi per la liquidazione del contributo mensile Misura B1

Modello 3 – Persone in condizioni di dipendenza vitale (solo per condizione alla lettera i)

DGR n. XI_5791_del 21.12.2021

DGR n. XI/6003 del 21.02.2022

DOMANDA ACCESSO VOUCHER_FNA 2021

ELENCO EROGATORI VOUCHER

 

TRATTAMENTO DEI DATI

Con la presentazione dell’istanza l’utente esprime il proprio consenso affinché i dati personali forniti possano essere trattati nel rispetto del Regolamento Ue 2016/679 e del D.Lgs. n. 196/2003 novellato dal D.Lgs. n. 101/2018 come specificato nelle domanda. In mancanza del consenso al trattamento dei dati, l’Ente preposto sarà impossibilitato ad erogare le prestazioni/servizi richiesti e ad adempiere agli obblighi previsti dalla legge.

Tutte le variazioni rispetto alla permanenza a domicilio o della frequenza scuola/servizi, che possono determinare la sospensione dei benefici nonché l’eventuale modifica delle coordinate bancarie/postali (IBAN) devono essere prontamente comunicate alla ASST di riferimento.